Giornate Fitopatologiche 1978

Catania - Acireale 8-10 marzo 1978

Fenvalerrate (sumicidin) - nuovo insetticida piretroide risultati di tre anni di sperimentazioni in Italia.

Capitolo “Insetticidi Acaricidi” - volume primo - pag. 649-656

Autori: F. Acinapura, G. Brentegani, M. Dellavalle, A. Gallizia, P. Napoli, G. Perugia , G. Pesci

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Continua con Facebook Accedi con Google

In caso di utilizzo dell'autenticazione Faceboook o Google, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Nelle prove finora da noi eseguite in Italia nel corso di questi ultimi tre anni, il piretroide fenvalerate - insetticida di contatto ed ingestione, non volatile, non dilavabile, stabile alla luce e ale alte temperature, poco tossico per l'uomo - appare assai attivo contro un interessante gruppo di insetti fitofagi assai difficili da combattere e a dosi assai ridotte d'impiego: Psylla piri (10-20 g/hl m.a.*), Myzus persicae (2,5-5-10 g/hl di m.a.), Polichrosis botrana e Clysia ambiguella (2,5-5-10 g/hl m.a.), Grapholita molesta (10 g/hl di m.a.*), Lithocollettis blancardella (40-60 g/hl di m.a. trattamento preventivo), Ceratitis capitata (20 g/hl m.a.), Saissetia oleae e Ceroplastes rusci (2,5-5-10 g/hl m.a.), Leptinotarsa decemlineata (5 g/hl m.a.).
*Risultati positivi in altri Paesi con dosi pi๠ridotte.
Presenta inoltre un effetto insetticida assai prolungato verso determinati insetti (afidi) che può essere anche spiegato con un'azione che si sommerebbe all'attività  di contatto ed ingestione.
Col fevalerate pertanto si potrebbe effettuare trattamenti in numero limitato rispetto agli standard. Questa possibilità , associata alle dosi assai basse d'impiego e alla scarsa tossicità  per l'uomo, riduce sensibilmente i rischi di residui sulle colture trattate e di inquinamento dell'ambiente.
Il prodotto sembra possedere una mediocre e variabile attività  acaricida. Il fenvalerate è sperimentato con successo in molti paesi (v. bibliografia) e viene già  impiegato commercialmente contro i lepidotteri del cotone in America Centrale e Africa con lusinghieri risultati.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.