Giornate Fitopatologiche 2014

Chianciano Terme (SI) - 18-21 marzo 2014

CYFLUFENAMID (TAKUMI®): VALUTAZIONE DI STRATEGIE DI INTERVENTO NEL CONTROLLO DELL’OIDIO DELLO ZUCCHINO

Capitolo “Difesa da funghi, batteri, fitoplasmi, virus” - volume secondo - pag. 485-490

Autori: Alessandro Arbizzani , C. Cristiani, Emanuele Medico, A. Myrta

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

Allo scopo di mettere a punto corrette strategie di difesa nei confronti dell’oidio delle cucurbitacee sono state svolte esperienze applicative inserendo la s.a. cyflufenamid all’interno di un programma di interventi finalizzato a ottenere il massimo contenimento della malattia e allo stesso tempo finalizzato a limitare il rischio di insorgenza di fenomeni di resistenza. Sono state eseguite due prove di campo su zucchino, nel biennio 2012-2013, per verificare l’efficacia di diverse strategie di difesa contenenti cyflufenamid da solo, in miscela e in alternanza con altre sostanze attive antioidiche. Le sperimentazioni condotte hanno verificato la costante efficacia di cyflufenamid e la sostenibilità delle strategie di difesa impostate in presenza di fattori altamente predisponenti alla comparsa e all’evoluzione della malattia. Parole chiave: Cucurbitacee, Podosphaera xanthii, Golovinomyces cichoracearum

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2021)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.