Giornate Fitopatologiche 2008

Cervia (RA) - 12-14 marzo 2008

Spiromesifen (Oberon): nuovo insetticida per il controllo di alcuni artropodi dannosi delle colture orticole

Capitolo “Fitofagi e fitomizi” - volume primo - pag. 29-34

Autori: G. Arcangeli, A. Cantoni, M. Gollo, A. Gualco, J. Meyer, S. Roffeni

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

Spiromesifen è una nuova sostanza attiva dotata di attività  acaricida e insetticida, appartenente alla classe chimica degli acidi tetronici spirociclici. Controlla efficacemente acari tetranichidi e aleurodidi dannosi alle colture orticole. La molecola si distingue per un meccanismo d'azione innovativo per queste colture e non mostra resistenza incrociata con gli acaricidi ed insetticidi attualmente in commercio. Grazie a queste caratteristiche è utilizzabile nei programmi di difesa integrata e nelle strategie di difesa antiresistenza. Si riportano di seguito le caratteristiche chimico-fisiche, tossicologiche ed ecotossicologiche di spiromesifen, oltre ad una sintesi dei risultati di prove sperimentali eseguite in Italia contro acari tetranichidi e Aleurodidi dannosi alle colture orticole.
Parole chiave: spiromesifen, acari, aleurodidi, difesa

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.