Giornate Fitopatologiche 1971

Venezia - Udine, 11-14 Maggio 1971

Saggi sugli effetti dell'uso di acque inquinate per l'irrigazione di colture agrarie

Capitolo “Aspetti indesiderabili e inquinamento da fitofarmaci” - volume unico - pag. 121-130

Autori: N. Rizzotto , D. Rui

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

Mediante ripetuti saggi eseguiti con opportuna metodologia, è stato controllato l'effetto indotto sulla germinabilità  della semente e sullo sviluppo vegetativo di talune specie vegetali erbacee (creali, foraggere graminacee, foraggere leguminose, orticole varie) ed arboree (fruttiferi, vite) ad opera dell'irrigazione con acque inquinate, prelevate periodicamente da tre corsi d'acqua scorrenti nel veronese, ove confluiscono gli scarichi di diverse industrie locali.
Nel contempo, campioni di queste acque furono analizzati in laboratorio (per conoscerne la composizione), mentre si eseguirono altresì dei rilievi di campagna.
Le risultanze (condensate in istrogrammi e specchi) rappresentano il primo valido contributo sperimentale a dimostrazione delle sensibili ripercussioni sfavorevoli che sussistono nel particolare settore operativo e si proiettano - altresì - nel più vasto ambito dell'inquinamento ambientale.

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2021)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.