Giornate Fitopatologiche 2014

Chianciano Terme (SI) - 18-21 marzo 2014

ANALISI DI SENSIBILITÀ AL GLIFOSATE IN LOLIUM SPP.

Capitolo “Difesa dalle piante infestanti” - volume primo - pag. 443-450

Autori: A. Collavo, M. Sattin

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Continua con Facebook Accedi con Google

In caso di utilizzo dell'autenticazione Faceboook o Google, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

In letteratura non è disponibile un’analisi di sensibilità per Lolium spp., una delle specie più prone ad evolvere biotipi resistenti. In questo studio sono state incluse 30 popolazioni di L. multiflorum e L. rigidum (e popolazioni con caratteristiche morfologiche intermedie tra le due specie) raccolte in ambienti dove il glifosate non è stato utilizzato oppure ha avuto un impiego marginale negli ultimi 10 anni, quali: aziende convenzionali e biologiche, margini di campo e margini stradali e appezzamenti incolti. Le aree dove precedentemente sono riportati casi di resistenza al glifosate sono state escluse dal campionamento. Durante il 2012 sono stati condotti due esperimenti di dose-risposta in ambiente esterno, in primavera e in autunno. Le piante sono state trattate allo stadio di accestimento precoce e ad un altezza massima di 15 cm e con un volume d’acqua pari a 200 L/ha. Sulla base dei risultati di sopravvivenza sono state calcolate DE50 e DE90. Nell’esperimento primaverile le DE50 variano da 155±5,9 a 260±6,7 mentre le DE90 da 243±20,8 a 506±79,1 g di acido equivalente (a.e.)/ha; nell’esperimento autunnale le DE50 variano da 107±10,1 a 308±8,9 mentre le DE90 da 269±49,5 a 410±23,4 g a.e./ha. E’ stato evidenziato che la tradizionale dose utilizzata per il controllo del Lolium (360 g a.e./ha) non è più adeguata. I dati di sopravvivenza indicano che 540 g a.e./ha di glifosate controllano tutte le popolazioni oggetto di studio. Nel caso di trattamenti allo stadio di accestimento precoce, nei trattamenti in campo non si dovrebbe scendere sotto i 700 g a.e./ha. Parole chiave: dose-risposta, resistenza al glifosate

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.