Giornate Fitopatologiche 2012

Milano Marittima (RA) - 13-16 marzo 2012

ULTERIORI CONFRONTI TRA FORMULATI DI GLYPHOSATE APPLICATI SU COLTURE ERBACEE ED INERBIMENTI SPONTANEI

Capitolo “Difesa dalle piante infestanti” - volume primo - pag. 687-694

Autori: M. Fabbri, E. Geminiani, G. Rapparini

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Continua con Facebook Accedi con Google

In caso di utilizzo dell'autenticazione Faceboook o Google, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Nel biennio 2010-2011 sono state realizzate quattro prove parcellari su colture seminate ed inerbimenti spontanei per confrontare, a parità di dose di applicazione, l’efficacia di formulati di glyphosate sotto forma di sale isopropilamminico, sale ammonico, sale sodico e sale potassico, caratterizzati da diversa concentrazione e composizione dei coformulanti. La sperimentazione ha confermato come il tipo di sale ed i coformulanti possano influenzare l’attività erbicida di glyphosate. I formulati di glyphosate hanno mostrato un diverso comportamento in funzione delle condizioni ambientali al momento dell’applicazione. Parole chiave: diserbo, formulati di gliphosate, coformulanti

Colture in questa relazione

Mostra tutte

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.